Forse Sono Io [Intervista a Vincenzo Alfieri]

Forse sono io 2

 

La scorsa settimana vi avevamo parlato della nuova web series online l’11 aprile, Forse Sono Io. Abbiamo avuto il piacere di approfondire temi e progetti futuri direttamente con la mente della web series: Vincenzo Alfieri.

Un giovane attore e autore, classe ’86, che ha deciso di passare dietro la macchina presa, dopo aver maturato importanti esperienze non solo nel cinema e nella televisione (Ex- Manuale d’amore- Incantesimo- Che Dio ci aiuti- etc.), ma anche nel web con Stuck di Ivan Silvestrini e Closer di Angelo Licata.

Forse sono io è una web comedy frizzante che narra la storia di Mike, un giovane attore in cerca della sua grande occasione e con una vita sentimentale disastrosa. Per fortuna ricorrono in suo aiuto, gli amici di sempre – Tony, Andrea e Ginevra- che esausti della situazione escogiteranno una vendetta del tutto inaspettata.

Intervista a Vincenzo Alfieri

Come nasce l’idea, il concept di “Forse sono io”? Quali sono le novità e i punti di forza?

Ho pensato sarebbe stato divertente enfatizzare e romanzare alcuni aspetti della quotidianità, creando la storia di un giovane attore, con tanti sogni ma poche possibilità, che si trova a dover affrontare amici stravaganti, registi eccentrici e soprattutto, donne al limite della follia. Il suo punto di forza credo risieda nell’essere un prodotto che non si prende mai troppo sul serio ed ha un approccio alla commedia del tutto nuovo per il web.

Viviamo una rivoluzione digitale che ci coinvolge tutti, educandoci a nuovi modi di fruire gli audiovisivi, siamo, infatti, passati da un utilizzo passivo a uno interattivo. Come le web series, secondo te, si inseriscono in questo nuovo panorama?

Grazie alle web series ci si può esprimere liberamente in modo nuovo e con linguaggi diversi. La maggior parte degli utenti amano guardare film, serie tv, videoclip sui propri pc, smartphone e tablet. Non a caso i nuovi televisori hanno Internet. Un video su internet, grazie alla sua continua e immortale presenza, può essere visto molto di più.

Giovanissimo esordisci alla regia, cosa ti ha spinto ad immergerti nel mondo delle web series?

Volevo fortemente realizzare questo progetto e il web me ne ha dato l’opportunità, ma non escludo la possibilità di poter fruire di altri mezzi di comunicazione.

In “Forse sono io” ti avvali di un cast d’eccezione come Giulio Pampiglione, Valentina Izumi e Marco Cassini. Ci sveli i loro identikit nella serie?

Sono i migliori amici del protagonista, ma per sapere di più dovrete aspettare la serie.

Quale sarà la tua prossima “visione”? Scommetterai ancora in un progetto per il web?

Scommetterò sempre dove mi sarà data l’opportunità di esprimermi artisticamente in modo libero.

Potete seguire Forse Sono Io su Facebook e Twitter